Finalmente una frittura salutare

I cibi fritti, si sa, sono sempre buoni da mangiare e a tavola sanno il fatto suo.
L’arte del friggere non è un’arte leggera, ma bisogna saper dosare gli elementi nella maniera più corretta per una frittura degna di tale nome.
Ma la frittura, seppur buona, non è sempre vista di buon occhio perché i cibi fritti sono pieni di olio e la loro pesantezza non fa sempre bene all’organismo e alla lunga potrebbe portare ad avere anche problemi cardiovascolari.
Ma esistono dei metodi importanti per avere una frittura più salutare e meno pesante.

Una frittura casalinga è sicuramente migliore di una frittura mangiata nei centri di ristorazione. La frittura casalinga si fa in 30-60 minuti, mentre in quella mangiata nei centri di ristorazione l’olio viene mantenuto da alte temperature per giorni, perfino settimane ed in queste condizioni si formano facilmente prodotti di degradazione dell’olio che favoriscono obesità, diabete e malattie cardiovascolari.

Quindi, per una frittura domestica più salutare è importante scegliere il tipo di olio con cui friggere. Un tipo di olio non vale l’altro. È consigliabile l’utilizzo dell’olio extravergine perché ricco di proprietà che rendono più stabile la cottura. Va bene anche l’olio di semi, purché non sia troppo ricco di grassi e con un buon contenuto di antiossidanti che sono più stabili al calore.
La cosa da considerare quindi è valutare la stabilità e la resistenza al calore dell’olio e del grasso di frittura che si genera durante il processo. L’olio non deve mai raggiungere il “punto di fumo”, cioè la temperatura massima raggiungibile dall’olio prima che questo cominci a decomporsi e a bruciare, formando sostanze tossiche.
L’olio utilizzato per la frittura casalinga può essere riutilizzato per un’altra sola volta senza problemi, a patto che prima venga filtrato per evitare che i residui di frittura carbonizzati si attacchino al nuovo cibo che friggiamo.
Ovviamente, i tipi di olio apposito per friggere possono essere utilizzati in una frittura salutare perché scolano meglio il prodotto, rendendo la frittura più leggera.
Da tenere presente che per una frittura più salutare non bisogna risparmiare sull’olio. La padella deve contenerne almeno un’intera bottiglia.
Bisogna evitare poi la presenza di acqua nel composto.
Mai aggiungere inoltre olio fresco all’olio già usato per ricolmarlo.
L’alimento fritto va infine asciugato su carta assorbente per espellere il grasso eccessivo.

Per una frittura leggera è importante anche lo strumento che si usa. Il miglior strumento per ottenerla è la friggitrice ad aria. Questo tipo di friggitrice limita gli odori e consente di preparare fritture leggere utilizzando pochi cucchiai di olio, portando numerosi vantaggi.
Questa nuova friggitrice sfrutta l’aria calda in circolo nel cestello rotante. L’aria calda, unita al calore delle resistenze di un grill all’interno dell’apparecchio, consente di dorare alla perfezione il cibo fritto.
Quando il tempo di cottura è terminato questa friggitrice ad aria si spegne da sola, per donare una maggiore sicurezza.
La fase di frittura risulta essere abbastanza veloce.

Michele Ceccarelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *