Maledetta lista dei desideri

Ok, dannato sia Ebay che permette di fare le liste dei desideri. Sono andata a controllare la mia e mi è quasi preso un infarto, non voglio neppure fare il conto del costo per le migliaia di cose che vorrei comprare.

Ho superato le due pagine di prodotti messi lì non so per quale motivo, forse per provare a esorcizzare la voglia di averli, ma Amazon conosce delle mosse crudeli, come quella di inviarti mail per ricordarti dei prodotti nella wishlist o di avvisarti che c’è un’offerta in corso per l’iRobot Roomba 780 che desidero da quando per la prima volta ne ho sentito parlare.

Principalmente ci sono vestiti e borse, e io non sono neppure un’amante delle marche costose o dei capi alla moda, quindi mi sa che loro sono il minimo. Il vero problema sono i prodotti tecnologici che adoro alla follia, sono una mezza geek e mi piace guardare recensioni e video prove di strumenti hi-tech di ultima generazione, con la conseguenza di volerli.

Ci ho trovato anche un iPad mini, in mezzo a quella lista dei desideri chilometrici, che onestamente non ricordo neanche di aver messo: è un modello “vecchio”, probabilmente l’ho aggiunto alla lista quando è uscito, e si parla di molti anni fa.

È paradossale trovare lì l’iPad mini e alcuni degli smartphone usciti per ultimi, di quelli che quasi quasi ti preparano anche il caffè o ti guidano l’auto. Ed è paradossale trovare tutti questi oggetti super tecnologici, e un sacco di cose inutili come gli stickers – una mia dipendenza da quando sono molto piccola.

Ora, da un lato vorrei buttare via tutta la wishlist per non rischiare di cadere in tentazione, dall’altra, come sempre, mi dico “e se poi me ne pento?”. Non riesco a capire di cosa mi potrei pentire maggiormente. È questo il problema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *